Domenica, 17 Novembre 2013 20:45

Venerdi 15 novembre sciopero 4 ore In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

 

                                                 

VENERDÌ 15 NOVEMBRE 2013 SCIOPERO GENERALE  DI 4 ORE  

 

 

Cambiare la Legge di Stabilità 2014

Dagli sprechi e dalle rendite più risorse ai lavoratori e ai pensionati

La Leggedi Stabilità presentata dal Governo non realizza quella svolta nella politica economica necessaria al Paese per uscire dalla recessione e tornare a crescere.

È indispensabile una decisa modifica della Legge di Stabilità soprattutto su tre importanti capitoli:

 

Meno tasse ai lavoratori e pensionati

Per gli interventi in materia fiscale la legge di stabilità deve essere l’occasione per diminuire realmente le tasse a lavoratori dipendenti, pensionati ed imprese che creano buona occupazione.

 

 

Pubblica Amministrazione ed efficienza della spesa pubblica

In particolare, per il settore pubblico chiediamo al Governo e al Parlamento di dare certezza alla stabilizzazione dei precari delle PP.AA. e riconoscere e valorizzare, attraverso il contratto nazionale, le professionalità dei dipendenti pubblici.

Occorre liberare la contrattazione di secondo livello al fine di distribuire gli incrementi di qualità e produttività creati a livello decentrato, utilizzando anche le risorse provenienti da sprechi, inefficienze e da cattiva gestione.

Inaccettabile è anche la prevista eliminazione dell’indennità di vacanza contrattuale per il 2013 e il 2014 ed il taglio lineare operato sugli straordinari che mette a rischio l’effettiva erogazione dei servizi. Sono questi interventi che devono essere ritirati in quanto incidono ulteriormente su un settore già particolarmente colpito dai tagli lineari che si sono succeduti in questi ultimi anni e che continuano ad essere riproposti anche in questo DDL Stabilità.

Penalizzante per i dipendenti del settore pubblico è anche l’ennesima misura di rateizzazione dell’indennità di fine rapporto.

CGIL, CISL e UIL ritengono indispensabile agire per un taglio significativo della spesa pubblica improduttiva e dei costi della politica. Dall’efficienza e dalla revisione dei livelli istituzionali, dalla riqualificazione della spesa pubblica e dal rafforzamento della lotta alla corruzione, dipende la qualità dei servizi per i cittadini.

 

Rivalutare le pensioni

CGIL CISL e UIL ritengono necessario rivedere e correggere gli elementi di iniquità e rigidità introdotti dalle norme Fornero sul sistema previdenziale.

È indispensabile ripristinare i meccanismi di indicizzazione delle pensioni esistenti prima dell’entrata in vigore del DL n. 201/2011, evitando così l’erosione progressiva che i trattamenti pensionistici hanno subìto in questi anni.

 

Per sostenere queste proposte CGIL CISL e UIL hanno deciso di proclamare quattro ore di sciopero per il 15 novembre 2013 e che per tutte le Pubbliche Amministrazioni e gli Enti di Sanità privata e Terzo Settore della provincia di Foggia si realizzerà nelle quattro ore di fine turno.

 

La giornata di mobilitazione sarà preceduta da assemblee unitarie sui posti di lavoro. Si invitano, quindi, i Rappresentanti aziendali a definire la data delle predette assemblee comunicandolo, con urgenza, alle Segreterie territoriali, al fine di consentire la partecipazione dei rappresentanti territoriali.

 

È inoltre prevista una manifestazione provinciale a Foggia, con concentramento in piazza Cavour, a partire dalle ore 9:00, corteo e comizio conclusivo in piazza Cesare Battisti (piazzale antistante il Teatro Giordano).

 

            FP CGIL                       CISL FP                                   UIL FPL                        UIL PA

            Felice Zinno                  Giovanni Dalessandro               Luigi  Giorgione                        Luigi Iacovino

 

Letto 1858 volte
Amministratore

Segreteria provinciale di Foggia

Devi effettuare il login per inviare commenti